Visita posturale

Categoria: Tag:

Informazioni

La visita posturale è il primo passo da compiere per risolvere disturbi come mal di testa, crampi e stanchezza, diffusissimi e capaci di compromettere la qualità della nostra vita.

Sottoporsi a una visita posturale può essere un buon inizio per far fronte a problematiche tanto comuni quanti fastidiose. Mal di schiena, mal di testa, dolori muscolari articolari, così come scoliosi, crampi, stiramenti, frequenti infortuni e stanchezza costante sono problemi diffusi e talvolta cronici. Disturbi di cui spesso non riusciamo a individuare la causa, né tantomeno la soluzione. Nel frattempo la qualità della vita diminuisce, compromettendo il nostro benessere psico-fisico.

Un appoggio del piede sbagliato, un difetto di convergenza dell’occhio, una cicatrice sulla pelle o una scorretta occlusione del morso, danno informazioni alterate al nostro sistema posturale che, per compensazione, risponde “comandando” ai muscoli un comportamento scorretto. Eccoci di fronte a uno squilibrio posturale alla base di patologie che certe volte riguardano parti del corpo lontane dal recettore da cui derivano.

Risulta quindi necessaria un’approfondita analisi clinica mirata a indagare attraverso l’utilizzo di strumenti (podoscopio, livella laser, pedana propriocettiva) quale sia la reale origine del problema posturale. La visita dura circa un’ora ed è composta da:

– anamnesi clinica del paziente;

– esame tridimensionale con livella laser;

– esame appoggio podalico su podoscopio;

– valutazione movimenti oculari;

– analisi della funzionalità del morso e dell’articolazione temporo-mandibolare.